HOME
DISCOGRAFIA
NEWS
CONCERTI
GALLERY
VIDEO
PRESS
CONTATTI
LINK
CERCA
Aggiungi la pagina a Blinklist Aggiungi la pagina a Del.icoi.us Aggiungi la pagina a Digg Aggiungi la pagina a Facebook Aggiungi la pagina a Furl Aggiungi la pagina a Google Aggiungi la pagina a Ma.Gnolia Aggiungi la pagina a Newsvine Aggiungi la pagina a Reddit Aggiungi la pagina a StumbleUpon Aggiungi la pagina a Technorati Aggiungi la pagina a Yahoo

Racconta storie intriganti attraverso testi spesso lunghi nei quali affiorano qua e la termini inusuali e ricercati (un po’ alla Guccini per intenderci), sorretti da una classica strumentazione rock (chitarra, basso e batteria, e all’occorrenza qualche inserto di tastiere e archi) che rimanda per lo più ai R.E.M., con sporadiche esplosioni di energia e compattezza nelle quali si avvertono echi di Husker du. Una formula atipica che, a un decennio esatto dall’esordio Mite, è adesso ribadita con accresciuta efficacia in tredici brani intensi e appassionati dove amarezza e rimpianto sposano sentimentalismi mai stucchevoli, rabbia, ironia e critiche pungenti in un continuo avvicendarsi di evocatività e veemenza. Singolare pure la voce, contraddistinta dalla erre arrotondata, e alta – in quattro o cinque casi altissima – la qualità compositiva, a fornire l’immagine inequivocabile di un autore/interprete di peso.